Il Progetto

Image

Il progetto Ambi.Tec.Fil.Legno (ALFORLAB), finanziato dallo strumento PON (PON03_00024_1), ha come obiettivo strategico lo sviluppo e l'integrazione di tecnologie innovative per la valorizzazione delle risorse ambientali e forestali della regione Calabria, e prioritariamente del legno, materiale ad elevata sostenibilità ambientale, attraverso azioni di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in tutte le diverse fasi della filiera foresta-legno-ambiente, dalla produzione, alla trasformazione, all'impiego delle nanotecnologie.

Tra i sistemi ecologici che forniscono beni e servizi, gli ecosistemi forestali, infatti, svolgono un ruolo insostituibile, che sta crescendo continuamente di importanza e di riconoscimento, anche a livello internazionale (v. i recenti Accordi di Copenhagen e di Durban per la riduzione della deforestazione tropicale).
Si tratta di risorse rinnovabili quanto mai strategiche con prospettive enormi di avanzamento scientifico e di innovazione tecnologica su cui basare le politiche di gestione sostenibile della biosfera, per l'aumento della produttività di bio-materiali in un quadro di conservazione e miglioramento degli ecosistemi.

Le attività del progetto si inseriscono in un contesto molto articolato in quanto il legno è un materiale che ha un largo spettro di utilizzazioni (edilizia, energia, arredamento) e che negli ultimi anni è stato al centro di forti tensioni sul mercato dei prezzi. Per il conseguimento di questi obiettivi e il rafforzamento di tali settori tecnologici, il Laboratorio, sulla filiera forestale e ambientale, opera in stretta sinergia con i principali attori scientifici e tecnologici della Regione, peraltro individuati dalla stessa Relazione Tecnica, ovvero gli Enti di Ricerca, come CNR e CRA, le Università della Calabria e Mediterranea, e il nodo del Centro di Competenza ImpresAmbiente, che rientrano tutti nella compagine del Laboratorio medesimo.

Il progetto è componente centrale del Cluster MEA sull'energia, l'ambiente e i materiali rinnovabili e avanzati e coerentemente ne condivide visione strategica, obiettivi e indicazioni organizzative e tecnologiche, insieme con gli altri partecipanti del Cluster, i progetti di MATELIOS, RENEW e MEL.

Il piano di sviluppo del Cluster Materiali Energia Ambiente (MEA) individua chiaramente nei settori delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica e dei materiali a minor intensità di carbonio e più avanzati e rinnovabili, in particolare il legno, le vie preferenziali per uno sviluppo sostenibile, duraturo e inclusivo della Regione Calabria.

Infatti, come dichiarato dal documento istitutivo del Cluster MEA, ”reinventare il sistema energetico e industriale sulla base di un modello a basse emissioni di carbonio è una delle sfide più importanti del XXI secolo […] Anche in Italia lo sviluppo delle fonti rinnovabili è, da tempo, tra le priorità della politica energetica, insieme alla promozione dell’efficienza energetica”.

In particolare, ”per il contesto socio-economico della Calabria, caratterizzato da un persistente divario economico rispetto sia alle altre Regioni italiane che ai Paesi europei, la creazione di un Cluster sulle Energie e i Materiali Rinnovabili rappresenta […] una straordinaria opportunità attraverso la quale potranno essere conseguiti livelli superiori di competitività tecnica ed economica in settori tecnologicamente avanzati quali quelli collegati alle tecnologie di lavorazione e produzione di materiali avanzati per il settore delle energie rinnovabili, […] delle biomasse, […] e delle tecnologie del legno intervenendo nei campi della ricerca, dell’innovazione, della crescita competitiva dell’industria della filiera, della formazione del capitale umano.”